SALUTE DEL CANE Perchè vaccinare il cane?


La cosa più importante, quando si vuole prendere un cane o un gatto, è quella di doverlo proteggere da: pulci, zecche e pidocchi ed eliminare la varie uova e larve create da pulci con un prodotto specifico che un veterinario vi potrà consigliare, così da evitare di infettare le aree presiedute dall'animale.Ricordiamo che, oltre a svolgere una corretta alimentazione e un buon esercizio fisico, bisogna proteggere l’animale da temibili insidie ,quali la filariosi cardiopolmonari ( trasmessa dalle punture di zanzare infette), la leishmaniosi (trasmessa da flebotomi) e il morbo di Lyme e la piroplasmosi.

Di seguito, vi riportiamo alcune vaccinazioni specifiche per i cani.
In alcuni casi, il cucciolo che portate a casa, ha già ricevuto la sua prima vaccinazione. Attenti però: se il vostro cucciolo è ancora piccolo, 7-8 settimane di età, può essere soggetto a varie malattie e dovrete porre attenzione ai rapporti che terrà con altri della sua razza, fino a che il suo programma vaccinale non sarà terminato. Per essere sicuri che il cane sia sempre ben protetto da varie malattie, è consigliabile vaccinarlo per tutta la vita, secondo specifiche tabelle periodiche.
Il veterinario sceglierà il tipo di programma vaccinale a seconda dello stile e dell'ambiente di ogni animale. Il veterinario, inoltre, può ritenere necessario che alcuni vaccini possano essere somministrati o con la stessa siringa, o due siringhe diverse nella stessa seduta.

Perchè vaccinare il cane?
Molti veterinari dicono che vaccinare il cane è utile, in quanto il suo organismo, con queste vaccinazioni, viene difeso da alcune malattie specifiche. Gli anticorpi sono la difesa immunitaria più importante, ed è sostenuta da numerose cellule e molecole.
Perchè si vaccina il cane dopo i 3 mesi di vita?
Il colostro, ovvero il latte materno dove sono contenuti anticorpi che ricevono i cuccioli, è utile per proteggere gli amici a quattro zampe da malattie infettive. Il colostro è poco duraturo, per l'esattezza dura soli 3 mesi. Infatti, le prime vaccinazioni, avvengono al secondo mese di età, e vengono completati al raggiungimento del terzo mese d'età, quando il colostro diminuisce.

Ma è necessario vaccinare il nostro cane?
Molti padroni pensano che, vaccinando il cane da cucciolo, gli antibiotici lo possa difendere fino alla sua morte... ma non è così. Dovete continuare a vaccinare il cane se volete che queste malattie non lo infettino, quindi è consigliabile vaccinarlo nuovamente. Ripetere la vaccinazione serve per far si che le difese immunitarie vengono incitate a difendere il cane da varie malattie. Ovvio che se tali difese non vengono stimolate, il rischio che il vostro cane possa essere contagiato da malattie gravi o addirittura fatali è altissimo.

La vaccinazione quale malattie cura?
Parvovirosi, cimurro, epatite, leptospirosi e bronchite infettiva.
Non sono giochini, ma malattie che solo con l'aiuto di un vaccino possono essere evitate. Sono malattie ad alto contagio e molto difficili da curare. Se si decide di andare all'estero, vi consigliamo di far eseguire al vostro cane la vaccinazione antirabbica; il vostro veterinario ve lo potrà consigliare in un qualsiasi momento.

Buoni motivi per vaccinare il cane. Le malattie del cane che si possono evitare con un vaccino
Iniziamo subito a parlavi di una delle malattie più gravi che il cane potrà incontrare senza vaccinazione:
la parvovirosi canina. Essa, come molti esperti hanno dedotto, è una malattia che genera problemi seri e che può verificarsi con molta frequenza.
Questa malattia è facilmente intuibile da vari fattori; i sintomi della parvovirosi canina sono: il cane, come primo segnale, può avere vomito e diarrea maleodorante che successivamente può condurre a disidratazione e collasso. Anche il muscolo più importante come il cuore può essere colpito dal virus. Quindi, attenzione a questa malattia, soprattutto nel cucciolo che può anche morire in sole 24 ore e per cui l'unica cura possibile è la vaccinazione.

Altra malattia molto fatale e a rischio contagio per il cucciolo è il Cimurro canino. Vi sono casi rari dove i cani sopravvivono a questa malattia, ma dovranno convivere con problemi come la deformazione dei denti, tic nervosi e frequenti episodi epilettici. Sembra che la cura sia inutile in quanto il periodo di incubazione è molto lungo (mediamente 3 settimane) e si rischia di poter vaccinare il cane quando è ormai troppo tardi.

Anche il fegato è soggetto a rischi, in quanto questo organo può essere colpito da epatite infettiva canina, che risulta essere spesso fatale. La morte potrebbe avvenire entro le 24-36 ore se la malattia è in fase acuta. Chi sopravvive all'epatite infettiva potrebbe contagiare il virus ad altri cani.

Un’altra malattia che ha bisogno di essere sostenuta da differenti sierotipi è la leptospirosi. Come si trasmette la leptospirosi dei cani? In due modi: diretta, cioè da cane malato a quello sano e indiretta, dove il cane può mangiare un materiale contaminato. I roditori sono portatori di leptospire, in quanto la eliminano con le urine. La leptospirosi porta conseguenze come la gastroenterite emorragica, ittero, nefrite. Anche l'uomo può essere soggetto a questa malattia. Il consiglio è di far vaccinare il vostro cane quanto prima, per evitare che venga in contatto con questa malattia. La vaccinazione per la leptospirosi copre i due sierotipi di leptospirosi maggiormente riscontrati.

Il vaccino contro la Rabbia
La Rabbia, una delle malattie più conosciute nel mondo canino, può essere trasmessa anche all'uomo (chiamato zoonosi) tramite graffi o morsi da animali infetti. Dunque, è molto importante non lasciare libero il proprio cane ove si può riscontrare altri animali in stato selvatico.
Trai i paesi dove si manifestano con frequenza questa Rabbia sono Germania, Francia, Austria, Paesi dell'Est ed ex Jugoslavia.
In soli due posti dell'Italia, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige, la vaccinazione contro la Rabbia è obbligatoria. Inoltre è obbligatoria far vaccinare il cane quando lo si porta in Sardegna e nei due posti già citati, in quanto sono indenni dalla malattia. Molti veterinari, però, consigliano di vaccinarsi dalla cura anti-rabbia anche in altre zone dell'Italia. Consigliabile anche chiedere aggiornamento ai veterinari sull'argomento relativo agli obblighi vaccinali contro questa malattia. Su un libretto che vi verrà consegnato dal veterinario, il libretto dei cani, verrà riportato lo stato vaccinale e tutti i vaccini effettuati dal cane, in caso il vostro amico a quattro zampe verrà portato in una pensione oppure viaggerà insieme al suo padrone.

Zampa di cane ha preparato una guida per tutte le vaccinazioni obbligatorie e facoltative. Scarica la nostra guida sui vaccini per cani.