COMPORTAMENTO DEL CANE Comunicare con il cane: il tatto


Il tatto nei cani è uno dei principali mezzi di comunicazione a disposizione per comunicare con i suoi simili e con l’uomo. I recettori tattili del cane sono il cuscinetto nasale, le vibrisse, i ciuffi sopraciliari, guanciali e labiali, le sopracciglia, i recettori del caldo e del freddo e i nocicettori.
Le vibrisse, o baffi, hanno una funzione tattile molto importante poiché servono al cane per percepire la presenza di oggetti a breve distanza che altrimenti non potrebbero vedere. I ciuffi sul viso, invece, servono per percepire la pressione e le vibrazioni. I nocicettori, infine, servono per percepire il dolore.

Il comportamento del cane
Il muso è tra le parti del corpo più sensibili del cane. Per imporre la sua superiorità, il cane dominante tende a poggiare il muso o la zampa sulle spalle di un altro cane, sul petto del proprietario o cerca di montare un altro individuo. All’inverso il cane sottomesso tende a strofinarsi sul fianco del cane dominante con le orecchie e la coda basse. Segni di sottomissione sono anche i colpetti con il muso e i piccoli morsi. Il tatto è un senso molto utilizzato anche per scopi sessuali. In particolare durante il corteggiamento i cani tendono a strofinare il naso o la lingua sui genitali del partner. Viceversa, quando il padrone accarezza o manipola il proprio cane tende a lanciargli dei messaggi, in alcuni casi in maniera inconsapevole. In generale le pacche hanno un effetto eccitante, mentre le carezze sui fianchi servono a calmare e rilassare l’animale.
E' importante conoscere la psicologia del cane, per poter instaurare un rapporto sano con lui.